George Fenton

nato il 19.10.1950 a London, England, Gran Bretagna

George Fenton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

George Fenton (Londra, 19 ottobre 1950) è un compositore britannico, noto autore di colonne sonore cinematografiche.

Ha ricevuto quattro nomination agli Oscar senza riuscire a conquistare la statuetta: nel 1982 per Gandhi, nel 1987 per Grido di libertà, nel 1988 per Le relazioni pericolose e nel 1991 per La leggenda del re pescatore.

Filmografia parziale

  • Gandhi, regia di Richard Attenborough (1982)
  • In compagnia dei lupi (The Company of Wolves), regia di Neil Jordan (1984)
  • 84 Charing Cross Road, regia di David Hugh Jones (1987)
  • Grido di libertà (Cry Freedom), regia di Richard Attenborough (1987)
  • Le relazioni pericolose (Dangerous Liaisons), regia di Stephen Frears (1988)
  • Il matrimonio di Lady Brenda (A Handful of Dust), regia di Charles Sturridge (1988)
  • High Spirits - Fantasmi da legare (High Spirits), regia di Neil Jordan (1988)
  • Non siamo angeli (We're No Angels), regia di Neil Jordan (1989)
  • Memphis Belle, regia di Michael Caton-Jones (1990)
  • Calda emozione (White Palace), regia di Luis Mandoki (1990)
  • La leggenda del re pescatore (The Fisher King), regia di Terry Gilliam (1991)
  • Analisi finale (Final Analysis), regia di Phil Joanou (1992)
  • Eroe per caso (Hero), regia di Stephen Frears (1992)
  • Viaggio in Inghilterra (Shadowlands), regia di Richard Attenborough (1993)
  • Ricomincio da capo (Groundhog Day), regia di Harold Ramis (1993)
  • Ladybird Ladybird, regia di Ken Loach (1994)
  • La pazzia di Re Giorgio (The Madness of King George), regia di Nicholas Hytner (1994)
  • Agenzia salvagente (Mixed Nuts), regia di Nora Ephron (1994)
  • Terra e libertà (Land and Freedom), regia di Ken Loach (1995)
  • Amare per sempre (In love and war), regia di Richard Attenborough (1996)
  • La seduzione del male (The Crucible), regia di Nicholas Hytner (1996)
  • My Name Is Joe, regia di Ken Loach (1998)
  • La leggenda di un amore - Cinderella (Ever After), regia di Andy Tennant (1998)
  • L'oggetto del mio desiderio (The Object of My Affection), regia di Nicholas Hytner (1998)
  • C'è posta per te (You've Got Mail), regia di Nora Ephron (1998)
  • Grey Owl - Gufo grigio (Grey Owl), regia di Richard Attenborough (1999)
  • Anna and the King, regia di Andy Tennant (1999)
  • Il ritmo del successo (Center Stage), regia di Nicholas Hytner (2000)
  • Bread and Roses, regia di Ken Loach (2000)
  • Immagini (Imagining Argentina), regia di Christopher Hampton (2002)
  • Tutta colpa dell'amore (Sweet Home Alabama), regia di Andy Tennant (2002)
  • Sweet Sixteen, regia di Ken Loach (2002)
  • Stage Beauty, regia di Richard Eyre (2004)
  • Un bacio appassionato (Ae Fond Kiss...), regia di Ken Loach (2004)
  • Valiant - Piccioni da combattimento (Valiant), regia di Gary Chapman (2005)
  • Tickets, regia di Ermanno Olmi, Abbas Kiarostami e Ken Loach (2005)
  • Lady Henderson presenta (Mrs Henderson Presents), regia di Stephen Frears (2005)
  • Hitch - Lui sì che capisce le donne (Hitch), regia di Andy Tennant (2005)
  • Vita da strega (Bewitched), regia di Nora Ephron (2005)
  • Il vento che accarezza l'erba (The Wind That Shakes the Barley), regia di Ken Loach (2006)
  • L'ultima vacanza (Last Holiday), regia di Wayne Wang (2006)
  • The History Boys (The History Boys), regia di Nicholas Hytner (2006)
  • In questo mondo libero... (It's a Free World...), regia di Ken Loach (2007)
  • Earth - La nostra Terra (Earth), regia di Alastair Fothergill e Mark Linfield (2007) - Documentario
  • Tutti pazzi per l'oro (Fool's Gold), regia di Andy Tennant (2008)
  • Il mio amico Eric (Looking for Eric), regia di Ken Loach (2009)
  • La parte degli angeli (The Angels' Share), regia di Ken Loach (2012)
  • The Zero Theorem, regia di Terry Gilliam (2013)

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0006070 dell'Internet Movie Database
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 02.01.2014 23:38:09

Questo articolo si basa sull'articolo George Fenton dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.