Marie-France Pisier

Marie-France Pisier

nata il 10.5.1944 a Da Lat, Vietnam

morto il 24.4.2011 a Saint-Cyr-sur-Mer, Provence-Alpes-Côte d'Azur, Francia

Marie-France Pisier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Marie-France Pisier nel 1992

Marie-France Pisier (Da Lat, Vietnam, 10 maggio 1944  Saint-Cyr-sur-Mer, 24 aprile 2011) è stata un'attrice francese.

Carriera cinematografica

Nata a Da Lat nell'allora Indocina francese, regista e sceneggiatrice, l'attrice è attiva al cinema, a teatro e in tv. È famosa, al cinema, soprattutto per il suo esordio, avendo interpretato la parte di Colette, partner di Antoine Doinel, nel cortometraggio Antoine e Colette (episodio del film L'amore a vent'anni). Venne scelta da Truffaut che cercava un contraltare per Jean-Pierre Leaud: "non doveva essere una Lolita, non una piccola giovane donna". Doveva essere semplice, aver una buona cultura media. La Pisier, all'epoca, faceva parte di una compagnia teatrale. Diciassette anni più tardi, incarna il personaggio di Colette nel film L'amore fugge sempre diretto da François Truffaut con cui 1978 scrive anche il soggetto e la sceneggiatura per la sua parte di Colette. Ha fatto delle comparse anche in Baci rubati. Ha lavorato anche con registi come Jacques Rivette, Luis Buñuel e André Delvaux.

Il 24 aprile 2011 è stata trovata morta nella sua piscina, si ritiene sia annegata.

Premi

Ha vinto due César

  • Nel 1976 Migliore attrice non protagonista per Cugino, cugina.
  • Nel 1977 Miglior attrice non protagonista per Barocco.

Filmografia parziale

  • L'amore a vent'anni (L'amour à vingt ans), episodio Antoine e Colette (Antoine et Colette), regia di François Truffaut (1962)
  • Le tentazioni quotidiane (Le Diable et les Dix Commandements), regia di Julien Duvivier (1962)
  • Le ragazze di buona famiglia (Les saintes nitouches), regia di Pierre Montazel (1963)
  • Concerto per un assassino (La mort d'un tueur), regia di Robert Hossein (1964)
  • Il gioco degli innamorati (Les amoureux du France), regia di Pierre Grimblat e François Reichenbach (1964)
  • Nuda per un delitto (Les yeux cernés), regia di Robert Hossein (1964)
  • La belva di Dusseldorf (Le vampire de Düsseldorf), regia di Robert Hossein (1965)
  • Non sta bene rubare il tesoro, regia di Mario di Nardo (1967)
  • Trans-Europ-Express, regia di Alain Robbe-Grillet (1967)
  • La schiuma dei giorni (L'Écume des jours), regia di Charles Belmont (1968)
  • Baci rubati (Baisers volés), regia di François Truffaut (1968)
  • Paulina s'en va, regia di André Téchiné (1969)
  • Nous n'irons plus au bois, regia di Georges Dumoulin (1970)
  • La mort d'un champion, regia di Abder Isker (1972) (TV)
  • Stringimi forte, voglio la tua dolce violenza, regia di Henri Calef e João Correa (1973)
  • Le journal d'un suicidé, regia di Stanislav Stanojevic (1973)
  • Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté), regia di Luis Buñuel (1974)
  • Céline e Julie vanno in barca (Céline et Julie vont en bateau), regia di Jacques Rivette (1974)
  • Souvenirs d'en France, regia di André Téchiné (1975)
  • Cugino, cugina (Cousin, cousine), regia di Jean-Charles Tacchella (1975)
  • Il cadavere del mio nemico (Le corps de mon ennemi), regia di Henri Verneuil (1976)
  • Sérail, regia di Eduardo de Gregorio (1976)
  • Barocco, regia di André Téchiné (1976)
  • L'altra faccia di mezzanotte (The Other Side of Midnight), regia di Charles Jarrott (1977)
  • Les apprentis sorciers, regia di Edgardo Cozarinsky (1977)
  • L'amore fugge (L'amour en fuite), regia di François Truffaut (1978)
  • Les Surs Brontë, regia di André Téchiné (1979)
  • Baci da Parigi (French Postcards), regia di Willard Huyck (1979)
  • La banchiera (La banquière), regia di Francis Girod (1980)
  • The Hot Touch, regia di Roger Vadim (1981)
  • Chanel Solitaire, regia di George Kaczender (1981)
  • La donna giusta, regia di Paul Williams (1982)
  • La montagna incantata (Der Zauberberg), regia di Hans W. Geissendörfer (1982)
  • Killer boulevard (Boulevard des assassins), regia di Boramy Tioulong (1982)
  • L'asso degli assi (L'as des as), regia di Gérard Oury (1982)
  • L'amico di Vincent (L'ami de Vincent), regia di Pierre Granier-Deferre (1983)
  • L'opera al nero (L'oeuvre au noir), regia di André Delvaux (1988)
  • La nota blu (La note bleue), regia di Andrzej uawski (1991)
  • Tutti i giorni è domenica (Tous les jours dimanche), regia di Jean-Charles Tacchella (1994)
  • Il tempo ritrovato (Le temps retrouvé), regia di Raoul Ruiz (1999)
  • Pardonnez-moi, regia di Maïwenn Le Besco (2006)
  • Il reste du jambon?, regia di Anne Depétrini (2010)

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0685494 dell'Internet Movie Database
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 04.08.2013 03:47:45

Questo articolo si basa sull'articolo Marie-France Pisier dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.