Susannah York

nata il 9.1.1939 a London, England, Gran Bretagna

morto il 15.1.2011 a London, England, Gran Bretagna

Links www.imdb.com (Inglese)

Susannah York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Susannah York

Susannah York (Londra, 9 gennaio 1939  Londra, 15 gennaio 2011) è stata un'attrice britannica.

Cinema

Dopo essersi diplomata alla Royal Academy of Dramatic Arts di Londra, Susannah York iniziò la sua carriera nel cinema nel 1960 recitando in Whisky e gloria con Alec Guinness e John Mills, per poi farsi conoscere meglio al grande pubblico per il ruolo di Sophie Western in Tom Jones del 1963 accanto ad Albert Finney. Ha inoltre interpretato la parte della madre di Clark Kent, Lara, in Superman (1978) e nei sequel Superman II (1980) e Superman IV (1987).

Il molto apprezzato talento la portò a recitare anche in Un uomo per tutte le stagioni (1966).

Quegli anni per Susannah furono l'apice della carriera cinematografica, recitando in L'assassinio di Sister George (1968), e coronati da una candidatura all'Oscar come miglior attrice non protagonista per Non si uccidono così anche i cavalli? (1968). Per l'interpretazione guadagnò anche il BAFTA nella medesima categoria.

Ha notoriamente snobbato gli stessi Academy Awards quando, riguardo alla sua candidatura, si dichiarò offesa per esser stata candidata senza che le fosse stato chiesto. Susannah tuttavia partecipò alla cerimonia della consegna degli Oscar. Vinse Goldie Hawn per Fiore di cactus.

Un altro passo importante fu la vittoria del premio per la miglior interpretazione femminile al 25º Festival di Cannes per Images di Robert Altman (1972).[1]

Scrittura

La sua carriera di scrittrice è meno conosciuta, anche se negli anni '70 pubblicò due racconti fantasy per bambini, In cerca degli Unicorni (In Search of Unicorns), che fu citato nel film Images, e Il castello di Lark (1976).

Teatro

Nel 1978, Susannah York recitò al New End Theatre a Londra in The Singular Life of Albert Nobbs con Lucinda Childs, diretta dal regista francese Simone Benmussa.

L'anno successivo recitò in lingua francese a Parigi nella commedia di Henry James: Appearances con Sami Frey, ancora diretta da Benmussa.

Negli anni '80, di nuovo sotto la regia di Benmussa, recitò in For no Good Reason con Susan Hampshire, adattamento di un racconto breve di George Henry Moore.

Nel 2007 partecipò al tour britannico dell'adattamento di un'altra opera di Henry James The Wings of the Dove, e continuò a interpretare il suo solo-show, acclamato a livello internazionale, The Loves of Shakespeare's Women.

Nel 2008 ha interpretato il ruolo di Nelly in un adattamento di April De Angelis di Cime tempestose.

Vita privata

Susannah York nel 1960 sposò Michael Wells, dal quale ebbe due bambini, Orlando e Sasha, ma divorziò nel 1976. Orlando Wells diede a Susannah il suo primo nipote nel 2007.

Orientata politicamente a sinistra, ha sostenuto pubblicamente Mordechai Vanunu.

È morta il 15 gennaio 2011, pochi giorni dopo aver festeggiato il suo compleanno, per un male incurabile.

Filmografia

Attrice

Cinema

  • A me piace la galera (There Was a Crooked Man), regia di Stuart Burge (1960)
  • Whisky e gloria (Tunes of Glory), regia di Ronald Neame (1960)
  • Quell'estate meravigliosa (The Greengage Summer), regia di Lewis Gilbert (1961)
  • Freud, passioni segrete (Freud: The Secret Passion), regia di John Huston (1962)
  • Tom Jones, regia di Tony Richardson (1963)
  • Scene Nun, Take One, regia di Maurice Hatton (1964) - Corto
  • La settima alba (The 7th Dawn), regia di Lewis Gilbert (1964)
  • Scruggs, regia di David Hart (1965)
  • Le sabbie del Kalahari (Sands of Kalahari), regia di Cy Endfield (1965)
  • La truffa che piaceva a Scotland Yard (Kaleidoscope), regia di Jack Smight (1966)
  • Un uomo per tutte le stagioni (A Man for All Seasons), regia di Fred Zinnemann (1966)
  • Sebastian, regia di David Greene (1968)
  • Duffy, il re del doppio gioco (Duffy), regia di Robert Parrish (1968)
  • L'assassinio di Sister George (The Killing of Sister George), regia di Robert Aldrich (1968)
  • Oh che bella guerra! (Oh! What a Lovely War), regia di Richard Attenborough (1969)
  • Lock Up Your Daughters!, regia di Peter Coe (1969)
  • I lunghi giorni delle aquile (Battle of Britain), regia di Guy Hamilton (1969)
  • Non si uccidono così anche i cavalli? (They Shoot Horses, Don't They?), regia di Sydney Pollack (1969)
  • Lo strano triangolo (Country Dance), regia di Jack Lee Thompson (1970)
  • Una vampata di vergogna (Happy Birthday, Wanda June), regia di Mark Robson (1971)
  • X Y e Zi (Zee and Co.), regia di Brian G. Hutton (1972)
  • Images, regia di Robert Altman (1972)
  • Gold - il segno del potere (Gold), regia di Peter R. Hunt (1974)
  • The Maids, regia di Christopher Miles (1975)
  • Toccarlo... porta fortuna (That Lucky Touch), regia di Christopher Miles (1975)
  • Un colpevole senza volto (Conduct Unbecoming), regia di Michael Anderson (1975)
  • Gli uomini falco (Sky Riders), regia di Douglas Hickox (1976)
  • Eliza Fraser, regia di Tim Burstall (1976)
  • L'australiano (The Shout), regia di Jerzy Skolimowski (1978)
  • L'amico sconosciuto (The Silent Partner), regia di Daryl Duke (1978)
  • Long Shot, regia di Maurice Hatton (1978)
  • Superman, regia di Richard Donner (1978)
  • Alla 39ª eclisse (The Awakening), regia di Mike Newell (1980)
  • Ricominciare ad amarsi ancora (Falling in Love Again), regia di Steven Paul (1980)
  • Superman II, regia di Richard Lester (e Richard Donner e non accreditato) (1980)
  • Loophole, regia di John Quested (1981)
  • Late Flowering Love, regia di Charles Wallace (1981) - Corto
  • Alicja, regia di Jacek Bromski e Jerzy Gruza (1982)
  • Nelly's Version, regia di Maurice Hatton (1983) - Voce
  • Barbagialla, il terrore dei sette mari e mezzo (Yellowbeard), regia di Mel Damski (1983)
  • Barbablù, Barbablù, regia di Fabio Carpi (1987)
  • Bella da morire (Prettykill), regia di George Kaczender (1987)
  • Superman IV (Superman IV: The Quest for Peace), regia di Sidney J. Furie (1987) - Voce
  • Mio in the Land of Faraway (Mio min mio), regia di Vladimir Grammatikov (1987)
  • American Roulette, regia di Maurice Hatton (1988) - Se stessa
  • Just Ask for Diamond, regia di Stephen Bayly (1988)
  • Un amore d'estate (A Summer Story), regia di Piers Haggard (1988)
  • Melancholia, regia di Andi Engel (1989)
  • En håndfull tid, regia di Martin Asphaug (1989)
  • Fate: ai confini dell'estasi (Fate), regia di Stuart Paul (1990)
  • Piccolo grande amore, regia di Carlo Vanzina (1993)
  • The Higher Mortals, regia di Colin Finbow (1993)
  • Loop, regia di Allan Niblo (1997)
  • So This Is Romance?, regia di Kevin W. Smith (1997)
  • Diana $ Me, regia di David Parker (1997) - Se stessa
  • Jean, regia di Anthony Fabian (2000) - Corto
  • The Book of Eve, regia di Claude Fournier (2002)
  • Visitors, regia di Richard Franklin (2003)
  • Prick, regia di Anthony Fabian (2005) - Corto
  • The Gigolos, regia di Richard Bracewell (2006)
  • Welcome to World War One, regia di Lancelot Narayan (2006) - Corto
  • Maude, regia di James Hughes (2007) - Corto
  • Franklyn, regia di Gerald McMorrow (2008)
  • The Calling, regia di Jan Dunn (2009)

Soggetto

  • Images, regia di Robert Altman (1972)
  • Ricominciare ad amarsi ancora (Falling in Love Again), regia di Steven Paul (1980)

Note

  1. Awards 1972 (in en). festival-cannes.fr. URL consultato il 17 giugno 2011 .

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0948772 dell'Internet Movie Database
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 15.04.2014 09:39:59

Questo articolo si basa sull'articolo Susannah York dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.