Bruno Ganz

nato il 22.3.1941 a Zürich, ZH, Svizzera

morto il 16.2.2019 a Au, ZH, Svizzera

Links www.deutsches-filmhaus.de (Tedesco)

Bruno Ganz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Bruno Ganz al Tokyo International Film Festival 2005

Bruno Ganz (Zurigo, 22 marzo 1941) è un attore svizzero.

Biografia

Nato da padre svizzero e madre italiana, debutta al cinema nel 1960 nel film Der Herr mit der schwarzen Melone, grazie al quale viene notato dall'attore Gustav Knuth che ne apprezza il talento.

Nel 1970 è uno dei fondatori, assieme al regista Peter Stein e all'attrice Edith Clever, della compagnia berlinese di ispirazione brechtiana Schaubühne am Halleschen Ufer. Torna nel cinema nel 1975; nel 1978 interpreta l'agente immobiliare Jonathan Harker nella celebre rivisitazione di Nosferatu, il principe della notte di Werner Herzog; il successo arriva nel 1987 col film Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders. Nel 1995 recita nella miniserie televisiva Il grande Fausto incentrata sulla vita del campionissimo del ciclismo Fausto Coppi, interpretando il ruolo del massaggiatore non vedente Biagio Cavanna, scopritore e guida per l'intera carriera di Coppi.

La sua partecipazione a Pane e tulipani gli vale il David di Donatello 2000 come miglior attore protagonista.

Ganz è uno dei più apprezzati attori di lingua tedesca: si è segnalato anche come interprete teatrale, in particolare nel Prometeo incatenato di Eschilo (1987) e in alcune opere di Bertolt Brecht. Tra le rappresentazioni teatrali più celebri, quello del Faust nel dramma omonimo di Goethe nella messinscena diretta da Peter Stein nel 2001 ad Hannover durante l'EXPO.

Nel 2004 interpreta Adolf Hitler nel film La caduta, diretto da Oliver Hirschbiegel, nel 2010 Tiziano Terzani ne La fine è il mio inizio, diretto da Jo Baier e tratto dall'omonimo libro postumo del giornalista e scrittore fiorentino.

Oggi l'attore vive tra Zurigo, Berlino e Venezia.

L'11 agosto 2011 riceve il Pardo alla carriera al Festival del cinema di Locarno[1].

Nel 2013 viene scelto dal regista Ridley Scott per interpretare il ruolo del Papa nella serie "The Vatican"[2].

Filmografia

  • Lumière, scene di un'amicizia fra donne (Lumière), regia di Jeanne Moreau (1975)
  • La Marchesa von... (La Marquise d'O...), regia di Eric Rohmer (1976)
  • L'amico americano (Der Amerikanische Freund), regia di Wim Wenders (1977)
  • I ragazzi venuti dal Brasile (The Boys from Brazil), regia di Franklin Schaffner (1978)
  • Il coltello in testa (Messer im Kopf), regia di Reinhard Hauff (1978)
  • La donna mancina (Die linksändige Frau), regia di Peter Handke (1978)
  • Nero e bianco come giorno e notte (Schwarz und Weiss wie Tage und Nacht), regia di Wolfgang Petersen (1978)
  • Nosferatu, il principe della notte (Nosferatu: Phantom der Nacht), regia di Werner Herzog (1978)
  • Oggetti smarriti, regia di Giuseppe Bertolucci (1980)
  • La storia vera della signora delle camelie, regia di Mauro Bolognini (1981)
  • L'inganno (Die Fälschung), regia di Volker Schlöndorff (1981)
  • Dans la ville blanche, regia di Alain Tanner (1983)
  • Il cielo sopra Berlino (Der Himmel über Berlin), regia di Wim Wenders (1987)
  • Un amore di donna, regia di Nelo Risi (1988)
  • Bankomatt, regia di Villi Hermann (1989)
  • Spalle nude (Strapless), regia di David Hare (1989)
  • Children of Nature (Börn náttúrunnar), regia di Friðrik Þór Friðriksson (1991)
  • La domenica specialmente, episodio di La domenica specialmente, regia di Giuseppe Bertolucci (1991)
  • Ultimi giorni da noi (The Last Days of Chez Nous), regia di Gillian Armstrong (1992)
  • Così lontano, così vicino (In weiter Ferne, so nah!), regia di Wim Wenders (1993)
  • A Praga (Prague), regia di Ian Sellar (1994)
  • Saint-Ex, regia di Anand Tucker (1996)
  • L'eternità e un giorno (Mia aioniotita kai mia mera), regia di Theo Angelopoulos (1998)
  • Pane e tulipani, regia di Silvio Soldini (2000)
  • La forza del passato, regia di Piergiorgio Gay (2002)
  • Luther - Genio, ribelle, liberatore (Luther), regia di Eric Till (2003)
  • La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler (Der Untergang), regia di Oliver Hirschbiegel (2004)
  • The Manchurian Candidate, regia di Jonathan Demme (2004)
  • Vitus, regia di Fredi M. Murer (2006)
  • Un'altra giovinezza (Youth Without Youth), regia di Francis Ford Coppola (2007)
  • La banda Baader Meinhof (Der Baader Meinhof Komplex), regia di Uli Edel (2008)
  • The Reader - A voce alta (The Reader), regia di Stephen Daldry (2008)
  • La polvere del tempo (I skoni tou chronou), regia di Theodoros Angelopoulos (2008)
  • Der grosse Kater, regia di Wolfgang Panzer (2009)
  • Giulias Verschwinden, regia di Christoph Schaub (2009)
  • Taxiphone: El Mektoub, regia di Mohammed Soudani (2010)
  • La fine è il mio inizio (Das Ende ist mein Anfang), regia di Jo Baier (2010)
  • Unknown - Senza identità (Unknown), regia di Jaume Collet-Serra (2011)
  • Sport de filles, regia di Patricia Mazuy (2011)
  • Treno di notte per Lisbona (Night Train to Lisbon), regia di Bille August (2013)
  • The Counselor - Il procuratore (The Counselor), regia di Ridley Scott (2013)

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Bruno Ganz è stato doppiato da:

  • Rodolfo Bianchi in La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler, Un'altra giovinezza, La banda Baader Meinhof, The Counselor - Il Procuratore
  • Bruno Alessandro in Non abbiate paura - La vita di Giovanni Paolo II, Unknown - Senza identità, La polvere del tempo, Treno di notte per Lisbona
  • Franco Zucca in The Manchurian Candidate, The Reader - A voce alta
  • Ferruccio Amendola in La Marchesa von..., Nosferatu, il principe della notte
  • Riccardo Cucciolla in Il cielo sopra Berlino
  • Vittorio Di Prima in L'eternità e un giorno
  • Gioacchino Maniscalco in Spalle nude
  • Antonio Colonnello in L'inganno
  • Oreste Rizzini ne Il grande Fausto
  • Luca Biagini in Padri e figli, La fine è il mio inizio
  • Stefano De Sando in Così lontano, così vicino!
  • Giorgio Lopez in Luther - Genio, ribelle, liberatore
  • Raffaele Fallica in Vitus

Bibliografia

  • Serafino Murri, «GANZ, Bruno». In: Enciclopedia del Cinema, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 2003

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0004486 dell'Internet Movie Database

Note

  1. Pardo alla carriera a Bruno Ganz. 12 agosto 2011
  2. The Vatican, ciak a Roma per la nuova serie di Ridley Scott. 22 aprile 2013
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 18.02.2014 19:13:41

Questo articolo si basa sull'articolo Bruno Ganz dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.