Fred Neil

Fred Neil

nato il 16.3.1936 a Cleveland, OH, Stati Uniti d'America

morto il 7.7.2001 a Summerland Key, FL, Stati Uniti d'America

Links www.fredneil.com (Inglese)

Fred Neil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Fred Neil (Cleveland, 16 marzo 1936 – St. Petersburg, 7 luglio 2001) è stato un cantautore statunitense.

Nato in Ohio ma cresciuto in Florida, inizia l'attività musicale come autore di brani per artisti famosi, tra questi Candy Man scritto per Roy Orbison[1]. Collabora dal 1961 con Vince Martin, col quale pubblicherà il primo album Tear Down the Walls (Elektra), nel 1964.

Pubblica il secondo album nel 1965 Bleecker & MacDougal dove fonde il folk con elementi blues.[1]

Nel 1966 esce il suo terzo album, Fred Neil, contenente i suoi brani più famosi: Everybody's Talkin' (poi reinterpretato da Harry Nilsson ed usato nella colonna sonora del film Un uomo da marciapiede, vincitore di un Grammy) e The Dolphins, brano dedicato al mare che fu in seguito reinterpretato da diversi artisti, tra i quali Tim Buckley.[2] L'album è diventato oggetto di culto per l'innovativa rilettura del folk e del blues in chiave psichedelica e free form, influenzando non solo i nuovi cantautori del Greenwich Village, ma anche la scena "acida" californiana che di lì a poco sarebbe esplosa.[1]

Era molto schivo e non amava fare tour promozionali. A metà degli anni 70 si ritirò dalle scene per dedicarsi alla salvaguardia dei suoi amati delfini[3].

È morto nel 2001 a causa di un cancro.

Discografia

Album studio

  • 1964: Tear Down the Walls (Elektra) con Vince Martin
  • 1965: Bleecker & MacDougal (Elektra) ripubblicato nel 1970 come A Little Bit of Rain
  • 1966: Fred Neil (Capitol) ripubblicato nel 1969 come Everybody's Talkin'
  • 1968: Sessions (Capitol)

Album dal vivo

  • 1971: The Other Side of This Life (Capitol)

Raccolte

  • 1986: The Very Best of Fred Neil (See for Miles)
  • 2003: Do You Ever Think of Me? (Rev-Ola)
  • 2004: The Sky Is Falling: The Complete Live Recordings 1965-1971 (Rev-Ola)
  • 2005: Echoes of My Mind: The Best of 1963-1971 (Raven)
  • 2008: Trav'lin Man: The Early Singles (Fallout)

Note

  1. ^ a b c The History of Rock Music. Fred Neil: biography, discography, reviews, links
  2. ^ Fred Neil | Biography | AllMusic
  3. ^ (EN) Stuart Shea, Rock and roll's most wanted, Brassey's, 2002, ISBN 1-57488-477-8. URL consultato il 30 marzo 2011.

Collegamenti esterni

  • (EN) Fred Neil, su AllMusic, All Media Network.
  • (EN) Fred Neil, su Discogs, Zink Media.
  • (EN) Fred Neil, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation.
Controllo di autorità VIAF: (EN14973824 · LCCN: (ENn92089820 · ISNI: (EN0000 0001 1745 594X · GND: (DE135256720 · BNF: (FRcb1404-2798h (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 13.01.2017 00:49:39

Questo articolo si basa sull'articolo Fred Neil dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.