Mark Isham

Mark Isham

nato il 7.9.1951 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

Mark Isham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Mark Ware Isham (New York City, 7 settembre 1951) è un compositore e trombettista statunitense.

Ha avuto una nomination all'Oscar alla migliore colonna sonora per In mezzo scorre il fiume.

Tra i suoi lavori sono da citare le musiche di America Oggi, Belva di guerra, Getaway, Crash - Contatto fisico, Bobby, The Black Dahlia, Next e Leoni per agnelli.

Biografia

Mark Ware Isham è figlio di Patricia Hammond, una violinista, e Howard Fuller Isham, un professore di lettere.[1]

Isham è un seguace di Scientology.[2][3] È sposato con Donna Isham.[3]

Filmografia parziale

  • Mai gridare al lupo (Never Cry Wolf), regia di Carroll Ballard (1983)
  • Fuga d'inverno (Mrs. Soffel), regia di Gillian Armstrong (1984)
  • The Times of Harvey Milk, regia di Rob Epstein (1984) - Documentario
  • The Hitcher - La lunga strada della paura (The Hitcher), regia di Robert Harmon (1986)
  • Accadde in Paradiso (Made in Heaven), regia di Alan Rudolph (1987)
  • Belva di guerra (The Beast), regia di Kevin Reynolds (1988)
  • Il mistero Von Bulow (Reversal of Fortune), regia di Barbet Schroeder (1990)
  • Il mio piccolo genio (Little Man Tate), regia di Jodie Foster (1991)
  • L'ombra del testimone (Mortal Thoughts), regia di Alan Rudolph (1991)
  • Billy Bathgate - A scuola di gangster (Billy Bathgate), regia di Robert Benton (1991)
  • Point Break - Punto di rottura (Point Break), regia di Kathryn Bigelow (1991)
  • Uomini e topi (Of Mice and Men), regia di Gary Sinise (1992)
  • In mezzo scorre il fiume (A River Runs Through It), regia di Robert Redford (1992)
  • Fuga dal mondo dei sogni (Cool World), regia di Ralph Bakshi (1992)
  • Occhio indiscreto (The Public Eye), regia di Howard Franklin (1992)
  • Triplo gioco (Romeo Is Bleeding), regia di Peter Medak (1993)
  • America oggi (Short Cuts), regia di Robert Altman (1993)
  • Bagliori nel buio (Fire in the Sky), regia di Robert Lieberman (1993)
  • Timecop - Indagine dal futuro (Timecop), regia di Peter Hyams (1994)
  • Thumbelina - Pollicina (Thumbelina), regia di Don Bluth e Gary Goldman (1994)
  • I ricordi di Abbey (The Browning Version), regia di Mike Figgis (1994)
  • Quiz Show, regia di Robert Redford (1994)
  • Ritrovarsi (Safe Passage), regia di Robert Allan Ackerman (1994)
  • Nell, regia di Michael Apted (1994)
  • Getaway (The Getaway), regia di Roger Donaldson (1994)
  • The Net - Intrappolata nella rete (The Net), regia di Irwin Winkler (1995)
  • Difesa ad oltranza (Last Dance), regia di Bruce Beresford (1996)
  • L'incredibile volo (Fly Away Home), regia di Carroll Ballard (1996)
  • Prove apparenti (Night Falls on Manhattan), regia di Sidney Lumet (1996)
  • A casa per le vacanze (Home for the Holidays), regia di Jodie Foster (1996)
  • Il collezionista (Kiss the Girls), regia di Gary Fleder (1997)
  • Afterglow, regia di Alan Rudolph (1997)
  • Conflitto d'interessi (The Gingerbread Man), regia di Robert Altman (1998)
  • Dalla Terra alla Luna (From the Earth to the Moon) – miniserie TV, 2 puntate (1998)
  • Blade, regia di Stephen Norrington (1998)
  • In fuga col malloppo (Free Money), regia di Yves Simoneau (1998)
  • Cielo d'ottobre (October Sky), regia di Joe Johnston (1999)
  • A prima vista (At First Sight), regia di Irwin Winkler (1999)
  • Varsity Blues, regia di Brian Robbins (1999)
  • Men of Honor - L'onore degli uomini (Men of Honor), regia di George Tillman Jr. (2000)
  • Regole d'onore (Rules of Engagement), regia di William Friedkin (2000)
  • The Majestic, regia di Frank Darabont (2001)
  • Don't Say a Word, regia di Gary Fleder (2001)
  • L'ultimo sogno (Life as a House), regia di Irwin Winkler (2001)
  • Hardball, regia di Brian Robbins (2001)
  • Impostor, regia di Gary Fleder (2002)
  • Moonlight Mile - Voglia di ricominciare (Moonlight Mile), regia di Brad Silberling (2002)
  • Highwaymen - I banditi della strada (Highwaymen), regia di Robert Harmon (2003)
  • The Cooler, regia di Wayne Kramer (2003)
  • Spartan, regia di David Mamet (2004)
  • Miracle, regia di Gavin O'Connor (2004)
  • Crash - Contatto fisico (Crash), regia di Paul Haggis (2005)
  • Derby in famiglia (Kicking & Screaming), regia di Jesse Dylan (2005)
  • In Her Shoes - Se fossi lei (In Her Shoes), regia di Curtis Hanson (2005)
  • Striscia, una zebra alla riscossa (Racing Stripes), regia di Frederik Du Chau (2005)
  • Imbattibile (Invincible), regia di Ericson Core (2006)
  • Bobby, regia di Emilio Estevez (2006)
  • The Black Dahlia, regia di Brian De Palma (2006)
  • Running (Running Scared), regia di Wayne Kramer (2006)
  • The Mist, regia di Frank Darabont (2007)
  • Il mio sogno più grande (Gracie), regia di Davis Guggenheim (2007)
  • Leoni per agnelli (Lions for Lambs), regia di Robert Redford (2007)
  • Next, regia di Lee Tamahori (2007)
  • Freedom Writers, regia di Richard LaGravenese (2007)
  • Nella valle di Elah (In the Valley of Elah), regia di Paul Haggis (2007)
  • Reservation Road, regia di Terry George (2007)
  • The Women, regia di Diane English (2008)
  • Pride and Glory - Il prezzo dell'onore (Pride and Glory), regia di Gavin O'Connor (2008)
  • La vita segreta delle api (The Secret Life of Bees), regia di Gina Prince-Bythewood (2008)
  • The Express, regia di Gary Fleder (2008)
  • Fame - Saranno famosi (Fame), regia di Kevin Tancharoen (2009)
  • Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans (Bad Lieutenant: Port of Call New Orleans), regia di Werner Herzog (2009)
  • The Conspirator, regia di Robert Redford (2010)
  • Professione assassino (The Mechanic), regia di Simon West (2011)
  • Stolen, regia di Simon West (2012)
  • Homefront, regia di Gary Fleder (2013)
  • The Accountant, regia di Gavin O'Connor (2016)
  • Mechanic: Resurrection, regia di Dennis Gansel (2016)
  • Fallen, regia di Scott Hicks (2016)

Note

  1. ^ Mark Isham Biography (1951-)
  2. ^ John M. Richardson, The Scientology Church of Hollywood, in The Globe and Mail, Bell Globemedia Publishing Inc, 11 settembre 1993.
  3. ^ a b Lawrence Wright, The Apostate: Paul Haggis vs. the Church of Scientology, The New Yorker, 14 febbraio 2011. URL consultato il 16 marzo 2011.

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN59272908 · ISNI (EN0000 0001 1797 8871 · LCCN (ENn79085268 · GND (DE129579203 · BNF (FRcb139341798 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 22.02.2019 13:13:43

Questo articolo si basa sull'articolo Mark Isham dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.