Allan Holdsworth

Allan Holdsworth - © Allan Holdsworth, etwa 1975 im Beacon Theatre, New York City / (GNU Free Documentation License)

nato il 6.8.1946 a Bradford, Yorkshire, Gran Bretagna

morto il 15.4.2017 a Vista, CA, Stati Uniti d'America

Links allanholdsworthtest.wordpress.com (Inglese)

Allan Holdsworth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Allan Holdsworth

Nazionalità  Regno Unito
Genere Fusion
Rock progressivo
Art rock
Periodo di attività
1969in attività
Album pubblicati 18
Studio 15
Live 2
Raccolte 1
Sito ufficiale
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Allan Holdsworth (Bradford, 6 agosto 1946) è un chitarrista e compositore inglese, considerato tra i più influenti e importanti della musica jazz rock.

Dopo aver suonato il violino durante la sua infanzia, inizia a suonare la chitarra a 18 anni, Intorno ai vent'anni, una volta entrato nel campo professionale della musica, incentra il proprio ascolto su Django Reinhardt, Jimmy Rainey, Charlie Christian, Joe Pass, e John Coltrane. Ha inventato diverse tecniche, imitate e riprese da svariati artisti. È un maestro della chitarra sintetizzata e sempre pronto a innovare il suo stile e la sua musica. Negli anni '80 divenne pioniere e principale sviluppatore di un nuovo strumento chiamato Synthaxe (un midi controller) con il quale suonava controllando sei sintetizzatori contemporaneamente. Con questo strumento registrò buona parte di album quali Atavachron, Wardencliffe Tower. L'album Flat Tire è realizzato totalmente con utilizzo del Synthaxe.

Ha iniziato a suonare con gruppi appartenenti alla scena progressive britannica come Soft Machine, Tempest, UK.

Il suo genere è un misto di jazz e rock progressivo e viene spesso catalogato come fusion.

Attualmente vive in California.

Discografia

  • 1976 - Velvet Darkness
  • 1979 - Sunbird (con Gordon Beck)
  • 1980 - The Things You See (con Gordon Beck)
  • 1982 - I.O.U.
  • 1983 - Road Games (EP)
  • 1985 - Metal Fatigue
  • 1986 - Atavachron
  • 1987 - Sand
  • 1989 - Secrets
  • 1992 - Wardenclyffe Tower
  • 1993 - Hard Hat Area
  • 1996 - None Too Soon
  • 1996 - Heavy Machinery (con Jens Johansson e Anders Johansson)
  • 1999 - The Sixteen Men of Tain
  • 2001 - Flat Tire: Music for a Non-Existent Movie
  • 2003 - All Night Wrong (Album live)
  • 2004 - Then! (Album live)
  • 2005 - The Best of Allan Holdsworth: Against the Clock (Raccolta)
  • 2009 - Blues for Tony

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 20.03.2014 02:04:44

Questo articolo si basa sull'articolo Allan Holdsworth dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.