Banca dati musicale

Band

Cantori Moderni di Alessandroni

Links www.alessandroni.com (Inglese)

Alessandro Alessandroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Alessandro Alessandroni (Roma, 18 marzo 1925[1] – Roma, 26 marzo 2017[2]) è stato un compositore, direttore d'orchestra, arrangiatore e polistrumentista italiano.

Fu noto per la sua grande abilità nel fischiare (dimostrata prevalentemente in molte colonne sonore di spaghetti western di Ennio Morricone), e anche per aver fondato e diretto il gruppo vocale I Cantori Moderni: fu uno di quei personaggi che, pur restando prevalentemente dietro le quinte, contribuirono in prima persona alla realizzazione di moltissime musiche di successo.

Biografia

Gli inizi

Inizia a suonare la chitarra da autodidatta, con l'aiuto di un amico chitarrista; a 13 anni acquista il suo primo mandolino, dedicando gran parte del suo tempo all'ascolto della musica classica e diventando in poco tempo un virtuoso dello strumento[3]. I suoi primi passi nel mondo della musica li ha mossi a Soriano nel Cimino, paese originario della madre, dove Alessandro ha passato la sua adolescenza suonando chitarra, fisarmonica e mandolino presso il teatro La bottega del Barbiere.

All'ultimo anno di liceo forma quindi la sua prima band, con la quale si esibisce in vari spettacoli danzanti, passando da uno strumento all'altro e diventando un polistrumentista: suona la chitarra, il pianoforte, la fisarmonica, il sax, il flauto, il mandolino e il sitar.

Il fischio

Dopo il diploma al Conservatorio di Roma, Alessandroni inizia a lavorare per la casa di produzione cinematografica Fonolux: qui ha modo di conoscere il maestro Nino Rota, che lo chiama a lavorare con lui come chitarrista nella sua orchestra, con la quale inizia a partecipare alle incisioni di alcune colonne sonore.

È proprio il maestro barese d'adozione che, avendo bisogno per la realizzazione di una colonna sonora di un brano fischiato, ed essendosi Alessandroni offerto come volontario per fischiare, scopre questa qualità nel musicista che, da quel momento, viene spesso chiamato per incidere parti fischiate, specialmente in colonne sonore di spaghetti western.

La collaborazione più nota è quella con Ennio Morricone: è di Alessandroni, ad esempio, il fischio in Per un pugno di dollari, ma collaborerà anche a Per qualche dollaro in più e Il buono, il brutto, il cattivo[4]; per questo motivo, Federico Fellini lo soprannominerà "Fischio".

Altre attività

Nel 1967 riscuoterà anche un buon successo con un 45 giri, Ero l'attendente del kaiser, pubblicato per la CDB. Un'altra sua collaborazione celebre è quella con il maestro Piero Umiliani, per il quale canterà insieme alla moglie nel celebre motivo Mah-nà mah-nà (dalla colonna sonora di Svezia, inferno e paradiso), e in molte altre colonne sonore. Nel 1970, per la ARC, esce un album dedicato a dodici delle canzoni partecipanti a Canzonissima 1969 in versione strumentale: solista all'organo Hammond è un non meglio precisato Ron Alexander, che altri non è che lo stesso Alessandroni, il quale assume per l'occasione uno pseudonimo.

Alessandroni è anche autore di musica per colonne sonore, che ha inciso, spesso facendosi accompagnare dal gruppo dei Marc 4; ha inoltre collaborato con il maestro Franco Mannino. Insieme a Bruno Battisti D'Amario e a Bruno De Filippi è stato uno dei primi suonatori di sitar italiani, partecipando con questo strumento a molte incisioni. Con la sua orchestra ha pubblicato alcune incisioni per la Beat Records Company, casa discografica dell'amico Franco De Gemini. Negli ultimi anni si è anche dedicato alla pittura.

Nel 1999 la sua Roman song è stata inserita nella colonna sonora del film di Rob Reiner Storia di noi due (con Michelle Pfeiffer e Bruce Willis). Dal 2000 numerosi concerti e registrazioni con il chitarrista Sisto Feroli di cui tra l'altro ha eseguito e inciso, col fischio e col mandolino varie composizioni tra cui Tema d'Amore. Nel 2008 ha collaborato con i Baustelle, fischiando nella canzone Spaghetti western (contenuta nel loro album Amen). Nel 2009 ha collaborato con i Guano Padano, fischiando nel brano "Bull Buster"

I Cantori Moderni di Alessandroni

Dotato di una buona voce, Alessandroni affianca all'attività nel mondo del cinema anche quella di corista nel gruppo vocale I 2 + 2 di Nora Orlandi, che in seguito diventeranno i 4 + 4 di Nora Orlandi, dal 1954 al 1956. Si stacca poi da esso per fondare il Quartetto Caravels (che incide molti 45 giri per la Juke Box di Carlo Alberto Rossi), dove tra i componenti vi è anche Giulia De Mutiis, che diventa la sua prima moglie (e la madre di sua figlia Cinzia, anche lei cantante).

Nel 1961 il Quartetto partecipa alla manifestazione Giugno della canzone napoletana; l'anno dopo Alessandroni muta il nome del gruppo in I Cantori Moderni di Alessandroni, allargando la formazione da quartetto ad ottetto, ed è con questa denominazione che il gruppo partecipa all'incisione di moltissimi dischi realizzati per la RCA Italiana.

Morte

Residente da tempo in Namibia, vi è morto ultranovantenne nel 2017.

Le colonne sonore

Alessandro Alessandroni è stato anche autore di alcune colonne sonore; tra esse, ricordiamo:

  • 1967 - Vado... l'ammazzo e torno, regia di Enzo G. Castellari
  • 1967 - Troppo per vivere... poco per morire, regia di Michele Lupo
  • 1967 - Quella sporca storia nel West, regia di Enzo G. Castellari
  • 1969 - La taglia è tua... l'uomo l'ammazzo io, regia di Edoardo Mulargia
  • 1970 - Armida, il dramma di una sposa, regia di Bruno Mattei
  • 1970 - Zorro il dominatore, regia di Josè Luis Merino
  • 1970 - Formula 1 - Nell'Inferno del Grand Prix, regia di Guido Malatesta
  • 1970 - La guerra sul fronte Est, regia di Tanio Boccia
  • 1971 - Zorro, la maschera della vendetta (El Zorro de Monterrey), regia di José Luis Merino
  • 1971 - La terrificante notte del demonio, regia di Jean Brismée (la voce in La notte più lunga del diavolo è della moglie di Alessandroni, Giulia De Mutiis)
  • 1971 - Su le mani, cadavere! Sei in arresto, regia di León Klimovsky
  • 1972 - Novelle galeotte d'amore, regia di Antonio Margheriti
  • 1973 - Elena sì... ma di Troia, regia di Alfonso Brescia
  • 1973 - Maria Rosa la guardona, regia di Marino Girolami
  • 1973 - Simbad e il califfo di Bagdad, regia di Pietro Francisci
  • 1974 - Di Tresette ce n'è uno, tutti gli altri son nessuno, regia di Giuliano Carnimeo
  • 1974 - La signora gioca bene a scopa?, regia di Giuliano Carnimeo
  • 1974 - Sette ore di violenza per una soluzione imprevista, regia di Michele Massimo Tarantini
  • 1975 - Zanna Bianca e il cacciatore solitario, regia di Alfonso Brescia
  • 1976 - La professoressa di scienze naturali, regia di Michele Massimo Tarantini
  • 1976 - Liebes Lager, regia di Lorenzo Gicca Palli
  • 1976 - Sangue di sbirro, regia di Alfonso Brescia
  • 1979 - Due pezzi di pane, regia di Sergio Citti
  • 1980 - Porno Esotic Love, regia di Joe D'Amato

Altre collaborazioni

Alessandro Alessandroni e i suoi Cantori Moderni sono presenti in altre collaborazioni musicali:

  • Per un pugno di dollari (1964), colonna sonora di Ennio Morricone (chitarra e fischio)
  • Per qualche dollaro in più (1965), idem
  • Il buono, il brutto, il cattivo (1966), colonna sonora di Ennio Morricone (fischio)
  • C'era una volta il west (1968), colonna sonora di Ennio Morricone (fischio)
  • La ragazza con la pistola (1968), colonna sonora di Peppino De Luca (sitar)
  • La legge dei gangsters (1969), colonna sonora di Piero Umiliani (voce solista)
  • Prega il morto e ammazza il vivo (1970), colonna sonora di Mario Migliardi (fischio)
  • Lo chiamavano Trinità (1970), colonna sonora di Franco Micalizzi (Annibale dei Cantori Moderni, voce solista; Alessandro Alessandroni, fischio)[5]
  • Il poliziotto della brigata criminale (1975), colonna sonora di Ennio Morricone (fischio)
  • Un sacco bello (1980), colonna sonora di Ennio Morricone (fischio)
  • Chitarre fuori dal tempo (1982) con Sisto Feroli (fischio)
  • Spaghetti Western (2008) dall'album Amen dei Baustelle (fischio)
  • Bull Buster (2009) dei Guano Padano (fischio)
  • Quando sarò vecchio (2011) dall'album Ora di Jovanotti (fischio)[6]
  • Il mio nome è Thomas (2018), colonna sonora di Pino Donaggio (fischio)

Discografia

33 giri

  • 1969 - Baroque jazz (con Carlo Pes e Franco Tamponi; Sermi Records SR 114)
  • 1970 - Ritmo dell'industria n°2; (Grand Prix GP LP 142)
  • 1972 - Mostra collettiva (con Rino De Filippi; Edimerc, EC 00110)
  • 1974 - Prisma Sonoro; (SERMI REC. SR-ST 138)
  • 1976 - Inchiesta; (Cometa CMT 6)
  • 1978 - Listen to my harmonica (con Franco De Gemini; Duse, ELP 059)
  • 1983 - A way to remember (inciso come Alessandro Alessandroni Orchestra; Beat Records Company, BL 4022)
  • 1985 - A trip through the music (inciso come Alessandro Alessandroni Orchestra; Beat Records Company, BL 4046)

45 giri

  • 1965 - Se mi vuoi un po' di bene/Un giorno o l'altro (inciso come I Cantori Moderni; Sunstar Record, SPS 207)
  • 1966 - L' importante è avere te/Beat in studio uno (inciso come I Cantori Moderni di Alessandroni; ARC, AN 4076)
  • 1967 - Ero l'attendente del kaiser/Ormai, ormai (inciso come Alessandro Alessandroni e i Cantori Moderni; CDB, DB 1106)
  • 1968 - L'ultima corrida/Fruscio di foglie verdi (Ariete, AR 8005; solo sul lato A; sul lato B canta il Trio Junior)
  • 1970 - Zwei Wedekind Lieder: Der Gefangene / Erdgeist per otto cantori con contrabbasso e batteria di Vieri Tosatti (inciso come "I Cantori Moderni" di Alessandro Alessandroni; ABICI)
  • 2003 - Neonato Bagnaia/Neonato Berlin (Crippled Hot Waxi, LC 9759; con Sisto Feroli; Gianna Spagnuolo; Slope)

CD

  • 2002 - Natale e Dintorni (Alessandroni production) live con il chitarrista Sisto Feroli; il violoncellista Giorgio Ravenna e la cantante Gianna Spagnuolo
  • 2004 - Alessandroni+Paul+Honesty (Crippled Dick Hot Wax) con il chitarrista Sisto Feroli
  • 2007 - I Cantori Moderni di Alessandro Alessandroni (Bella casa music)

Compilation

  • 2000 - Women in lounge (Cinedelic, CNCD 2001, con il brano La notte più lunga del diavolo (Titoli), cantato da Giulia De Mutiis)

Canzoni scritte per altri artisti

  • 1966 - Tra le pagine (testo di Carlo Nistri; musica di Alessandro Alessandroni e Guido Podestà) inciso dai The Serenels
  • 1966 - See saw (testo di Carlo Nistri) inciso dai The Group
  • 1967 - Don't Be That Way (testo di Giulia De Mutiis; musica di Alessandro Alessandroni e Francesco De Masi) inciso da Raoul
  • 1967 - Il mondo va così (testo di Giulia De Mutiis; musica di Alessandro Alessandroni e Francesco De Masi) inciso da Raoul

Note

  1. ^ 15 minuti con Alessandro Alessandroni - Intervista di Ivana Mattei, su youtube.com. URL consultato il 18 aprile 2014.
  2. ^ Addio ad Alessandro Alessandroni, il 'fischio' western più famoso del mondo, su repubblica.it, 27 marzo 2017. URL consultato il 27 marzo 2017.
  3. ^ Dizionario, Enzo Giannelli, «Cantori Moderni» pag. 269
  4. ^ Elio Pirari, Il fischio più veloce del West , in La Stampa, 9 luglio 2007. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  5. ^ (EN) The Maestro's complete Discography, su alessandroni.com. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  6. ^ Alessandro Alessandroni | ORA – collettivo soleluna, su www.collettivosoleluna.net. URL consultato il 2 dicembre 2015.

Bibliografia

  • AA. VV., Dizionario della canzone italiana, a cura di Gino Castaldo, Roma, Curcio, 1990.

Voci correlate

  • Fischiatore
  • Western all'italiana

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN79572983 · ISNI (EN0000 0000 5823 8522 · SBN IT\ICCU\UBOV\982638 · LCCN (ENno98054632 · GND (DE1343-12570 · BNF (FRcb14148892b (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 05.03.2019 07:55:45

Questo articolo si basa sull'articolo Alessandro Alessandroni dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.