Maurizio Fabrizio

born on 16/3/1952 in Milano, Lombardia, Italy

Alias Mushi

Links www.mauriziofabrizio.it (Italian)

Unfortunately, there is no biography in English available the moment.

Maurizio Fabrizio

From Wikipedia, the free encyclopedia.
Maurizio Fabrizio

Maurizio Fabrizio accompagna alla chitarra Branduardi in un concerto nel 1979
Nazionalità  Italia
Genere Musica popolare
Pop
Pop
Periodo di attività
1969in attività
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Maurizio Fabrizio (Milano, 16 marzo 1952) è un compositore e cantante italiano.

Ha scritto canzoni per artisti come Mia Martini, Patty Pravo, Mina,, Ornella Vanoni, Mietta, Al Bano, Riccardo Fogli, Eros Ramazzotti, Antonello Venditti, Renato Zero, Angelo Branduardi, e Miguel Bosè. È il quinto autore più presente al Festival di Sanremo con ben 33 canzoni, tra cui due primi posti (con Storie di tutti i giorni per Riccardo Fogli nel 1982 e Sarà quel che sarà per Tiziana Rivale nel 1983) e tre terzi posti (Strano il mio destino per Giorgia nel 1996, Sempre per Lisa nel 1998 e Schiavo d'amore per Piero Mazzocchetti nel 2007). È autore anche di musical e colonne sonore.

Biografia

Di origine abruzzese (Torino di Sangro, Chieti), inizia a soli 11 anni a studiare musica al conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano, conseguendo una formazione classica (pianoforte, composizione, percussione, fagotto e contrabbasso), unita alla passione per la batteria e la chitarra.

Nel 1969 suona alla Scala, e nel 1970, insieme al fratello Salvatore (detto Popi), forma il duo, Maurizio & Fabrizio, con questa sigla partecipa sia alla "Gondola d'argento" (terzo posto con Come il vento parallelamente al secondo posto come autore per Malattia d'amore cantata da Donatello), sia al Festival di Sanremo (Andata e ritorno, scritta da Donato Renzetti-Luigi Albertelli, e contemporaneamente come autore, con il brano Il dirigibile per Antoine e Anna Identici).

Abbandonata l'esperienza del gruppo, a partire dagli anni settanta, inizierà un'intensa attività di arrangiatore e di autore, spesso con testi del paroliere Guido Morra e di Vincenzo Spampinato. In particolare collabora come music maker ed arrangiatore a diversi album di Angelo Branduardi (La luna, nel 1975, Alla fiera dell'est nel 1976, La pulce d'acqua nel 1977, Cogli la prima mela nel 1979 e Concerto nel 1980). Come autore scrive brani per Mia Martini (Per amarti, 1977 e Notturno, 1989) e Patty Pravo (Incontro, 1975).

Nel 1978 incide un disco di ispirazione progressive dal titolo Movimenti nel cielo , fra i musicisti presenti spicca ancora Branduardi. Dai suoni neoclassici con punte di rock elettrico ma non troppo, il disco dona sonorità ricercate.

Nel corso degli anni ottanta suoi brani vincono per tre volte il Festival di Sanremo Storie di tutti i giorni, cantata da Riccardo Fogli, nel 1982, Sarà quel che sarà, cantata da Tiziana Rivale nel 1983 e nel 1986 "Grande grande amore" scritta insieme a Stefano D'Orazio, cantata da Lena Biolcati nella sezione Nuove Proposte. Negli stessi anni è anche autore della colonna sonora del film Il buon soldato, diretto da Franco Brusati (1982).

Sue sono anche Vai, Valentina per Ornella Vanoni (1981), Bravi ragazzi per Miguel Bosè (1982), Amore stella per Donatella Rettore (presentata al Festival di Sanremo 1986) diversi brani per Rossana Casale (Brividi, Destino e A che servono gli Dei), per Viola Valentino, Riccardo Fogli, Eduardo De Crescenzo (L'odore del mare, 1987), Toquinho (Acquarello, 1983) e per altri artisti brasiliani come Simone e Chico Buarque De Hollanda. Nel 1989 Mia Martini presenta al Festival di Sanremo Almeno tu nell'universo, canzone scritta nel 1972 insieme a Bruno Lauzi.

Negli anni '80 prosegue anche l'attività di produttore e arrangiatore. Ricordiamo Luna di Gianni Togni, e l'album Red Corner dei Matia Bazar (1989).

Negli anni novanta scrive Niente per Mietta (inclusa in Canzoni del 1990, vincitore di 5 dischi di platino), Bisognerebbe non pensare che a te per Caterina Caselli (1990), I migliori anni della nostra vita per Renato Zero (1995), È la mia vita per Al Bano (1996), Strano il mio destino per Giorgia (terzo posto al Festival di Sanremo 1996) e Sempre per Lisa (terzo posto al Festival di Sanremo 1998). Per Lisa, oltre che autore, è anche produttore dei primi due album ("Lisa" e nel 1999 "L'essenziale") che scalano le classifiche di vendita in Francia e Spagna.

A partire dal 2000 è autore di due musical: Il grande campione interpretato da Massimo Ranieri nel 2000 e "Rodolfo Valentino" interpretato da Raffaele Paganini 2002. Scrive inoltre Tutti gli zeri del mondo per il duetto tra Renato Zero e Mina (2000), Alla luce del sole per Josh Groban (prodotto da David Foster nel 2003, vende 6 milioni di dischi nel mondo), Che fantastica storia è la vita con Antonello Venditti (2003), Un'emozione per sempre per Eros Ramazzotti (2003) e Che mistero è l'amore per Nicky Nicolai (premiata nella sezione Gruppi al Festival di Sanremo 2005).

Si dedica anche al lancio di giovani artisti come Senit (l'album del 2007) e Linda (per cui scrive il singolo Pasolini scrive per l'estate 2008).

Nel 2008 ha composto 3 brani (Anima nell'anima, La libertà, Madre) con testi tratti dalla poesie di Karol Wojtyla incisi da Placido Domingo nell'album "Amore infinito".

Ha scritto l'inedito per Stefano Filipponi Vivrò (testo di Giuseppe Fulcheri), concorrente di X Factor 4.

Nel settembre 2011 ha pubblicato il cd "Bella la vita" in collaborazione con l'attrice Katia Astarita: vengono proposte alcune delle canzoni più note composte da Maurizio Fabrizio cantate dall'autore con arrangiamenti minimalisti (chitarra classica e pianoforte, suonati dallo stesso Maurizio Fabrizio), con la collaborazione di Gigi Cappellotto al basso e Lele Melotti e Alberto Serafini alla batteria.

Nell'ultimo disco di Angelo Branduardi, "Il rovo e la rosa", pubblicato ad ottobre 2013, Maurizio Fabrizio suona la chitarra classica ed inoltre canta una strofa del brano "Lord Baker".

Nell'ottobre 2013 è stato pubblicato un nuovo album dal titolo "L'arte dell'incontro", sempre in collaborazione con l'attrice Katia Astarita. Questo album è costruito col medesimo stile del precedente "Bella la vita", e vengono presentate altre canzoni in passato portate al successo da importanti artisti italiani.

Nel febbraio 2014 partecipa al tour di Angelo Branduardi in veste di chitarrista.

In aprile 2014, in occasione della canonizzazione di Giovanni Paolo II prevista per il 27 aprile, viene ripubblicato da Sony il cd "Amore infinito".

Discografia

45 giri

  • 1970 - Come il vento/Neve (CBS, 5205) (come duo Maurizio & Fabrizio)
  • 1971 - Andata e ritorno/Marzo (CBS, 7045) (come duo Maurizio & Fabrizio)
  • 1975 - Azzurri orizzonti/Se non avessi Giulia (Come Il Vento, ZCVE 50421)
  • 1976 - Candy/Piccola canzone (Come Il Vento, ZCVE 50424)
  • 1976 - Mejico, Mejico/Wendy (MH, MH 32440) (stampato in Argentina)
  • 1979 - Grande re/Buon padre (Polydor, 2060 204)
  • 1980 - Segui me/Quando parlo di me (Come Il Vento, CDE 10274)

Album

  • 1975 - Azzurri orizzonti (Come Il Vento, ZSCV 55743)
  • 1978 - Movimenti nel cielo (Polydor, 2448 075)
  • 1978 - Movements in the sky (Musiza, 200 248) (stampato in Germania)
  • 1979 - Primo (Polydor, 2448 091)
  • 1980 - Personaggi (Come Il Vento, CDE 20221)
  • 2011 - Bella la vita (Edel Music,)
  • 2013 - L'arte dell'incontro

Bibliografia

  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Fabrizio, Maurizio

Collegamenti esterni

This page was last modified 30.04.2014 19:04:43

This article uses material from the article Maurizio Fabrizio from the free encyclopedia Wikipedia and it is licensed under the GNU Free Documentation License.